software gestionale per l'impresa

software gestionale per l'impresa

Warning
Lug
30

Google Plus apre alle aziende
software gestionale per l'impresa
software gestionale per l'impresa

Google Plus cambia strategia e "apre" alle aziende la possibilità di usare pseudonimi o nomi in base a cui è più facile essere riconosciuti nella rete, obiettivo fondamentale di tutte le strategie di web marketing sui social media e non solo.
Dopo il blocco di numerosi account e la rimozione di pagine commerciali, avvenuta negli ultimi giorni, la piattaforma di social network Google+ risponde agli utenti e fa il punto sull'uso degli pseudonimi per aggirare le limitazioni all'ingresso in Google Plus e sul problema del blocco di numerosi account: alcune aziende non avevano potuto iscriversi perchè non avevano "nome e cognome" come gli utenti fisici.
Vic Gundotra, vice presidente della divisione social di Google  ha sottolineato "l'eccessivo zelo" da parte degli addetti alla verifica degli account, zelo dovuto, sempre secondo Gundotra, alla lotta allo spamming e agli usi impropri del social network.
D'ora in poi, quindi, sarà possibile inserire alcuni campi aggiuntivi (in altre parole, degli pseudonimi per "farsi trovare dai propri clienti anche potenziali") al proprio profilo Google Plus, ma  il "giudice supremo" rimarrà il colosso di Mountain View, che continuerà ad effettuare rigidi controlli , in base alle policy del social network.
Resta fondamentale comunque per ogni azienda la necessità di essere sempre più "rintracciabile" e riconoscibile nel web.

software gestionale per l'impresaGoogle Plus cambia strategia e "apre" alle aziende la possibilità di usare pseudonimi o nomi in base a cui è più facile essere riconosciuti nella rete, obiettivo fondamentale di tutte le strategie di web marketing sui social media e non solo.

Dopo il blocco di numerosi account e la rimozione di pagine commerciali, avvenuta negli ultimi giorni, la piattaforma di social network Google+ risponde agli utenti e fa il punto sull'uso degli pseudonimi per aggirare le limitazioni all'ingresso in Google Plus e sul problema del blocco di numerosi account: alcune aziende non avevano potuto iscriversi perchè non avevano "nome e cognome" come gli utenti fisici. 

Vic Gundotra, vice presidente della divisione social di Google  ha sottolineato "l'eccessivo zelo" da parte degli addetti alla verifica degli account, zelo dovuto, sempre secondo Gundotra, alla lotta allo spamming e agli usi impropri del social network. 

D'ora in poi, quindi, sarà possibile inserire alcuni campi aggiuntivi (in altre parole, degli pseudonimi per "farsi trovare dai propri clienti anche potenziali") al proprio profilo Google Plus, ma  il "giudice supremo" rimarrà il colosso di Mountain View, che continuerà ad effettuare rigidi controlli , in base alle policy del social network.

Resta fondamentale comunque per ogni azienda la necessità di essere sempre più "rintracciabile" e riconoscibile nel web.

Fonte: http://www.giornal.it

Knowledge Management

software gestionale per l'impresa
Proponiamo una serie di EBook con cui è possibile aggiornare le proprie conoscenze, in modo rapido, economico ed efficace.

Internet ...

Business ...

Marketing ...